Problemi di alghe

Problemi di alghe

Le alghe consumano molti prodotti chimici della piscina e si affidano ai fosfati per sopravvivere. Prima di aggiungere prodotti chimici per risolvere il problema, dobbiamo capire che tipo di alghe stiamo trattando.

Le alghe sono piante microscopiche e, come tutte le piante, hanno bisogno di nutrienti per esistere. La fonte principale di questi nutrienti è il fosfato che proviene dall'acqua di rete, ma anche da foglie, pioggia, piante, erba tagliata, fertilizzanti, bagnanti e detergenti per piscine. Esistono oltre 30.000 specie diverse e, per facilitarne l'identificazione, l'industria delle piscine le classifica come:
Alghe verdi - Può avere un aspetto verde-azzurro, tende ad essere disomogeneo sulle pareti e sui pavimenti della piscina e a rimanere in sospensione nell'acqua.
Alga senape - È di colore giallo, da cui il nome, e può essere ostinato da spostare perché tende ad aggrapparsi alla superficie della piscina attraverso crepe e fessure.
Alghe nere (noto anche come macchia nera) - È di colore nero e si attacca alla superficie della piscina attraverso crepe e fessure in piccole chiazze.
Alghe rosa - Non si tratta di un'alga, ma di un batterio che forma uno strato rosa o una melma chiara sulle superfici.

Qual è il prodotto migliore per eliminare le alghe verdi?

Per le piscine che non possono utilizzare alghicidi a base di rame, consigliamo di utilizzare il nostro Knock-Out Algaecideche non contiene rame e può essere dosato settimanalmente. Per le piscine che possono utilizzare alghicidi a base di rame e se siete alla ricerca di una protezione a lungo termine (una dose minima di una volta ogni 3-6 mesi), allora vi consigliamo il nostro Lo-Chlor Algaecide. Entrambi i prodotti possono essere utilizzati come CURATIVO o PREVENTIVO trattamento.

Qual è il prodotto migliore per eliminare l'alga senape?

Se volete solo uccidere le alghe senapate e/o non potete usare alghicidi a base di rame nella vostra piscina, allora vi consigliamo di Knock-Out Algaecide. Se è possibile utilizzare alghicidi a base di rame e/o si desidera una protezione a lungo termine contro la futura crescita di alghe senapate, la nostra doppia azione è in grado di garantire una protezione ottimale. Total Algaecide dovrebbe essere la scelta.

Qual è il prodotto migliore per eliminare le alghe a macchia nera?

Le alghe Black Spot possono essere una delle infestazioni algali più difficili da curare. Lo-Chlor Black Spot Algaecide è una formulazione concentrata specificamente studiata per il trattamento delle alghe aggrappate, in particolare del punto nero, in tutti i tipi di piscine.

Per ulteriori informazioni sui trattamenti antialga, vedere sotto

Trattamento delle alghe verdi

Grazie alla nostra vasta conoscenza delle alghe, abbiamo riassunto alcuni punti chiave su come trattare le alghe verdi:

  1. Eseguire un accurato controlavaggio del filtro - Questo assicura un filtraggio efficiente durante il periodo di trattamento.
  2. Abbassare il pH a un valore compreso tra 6,8 e 7,0 - A questo livello il rivestimento ceroso esterno si indebolisce o si collega.
  3. Spazzolare accuratamente tutte le superfici delle pareti e del pavimento con una spazzola adatta alle alghe: questa azione distrugge ulteriormente la struttura cellulare. Prestare particolare attenzione ai gradini e ai punti di contatto tra pareti e pavimento.
  4. Superclorazione dell'acqua della piscina - Utilizzare cloro liquido (20 litri per 50.000 litri di acqua della piscina: 19 litri nella piscina e 1 litro direttamente nello skimmer) perché è più economico e più rapido nel reagire con le alghe. Il colore verde dovrebbe scomparire entro 2 ore. Se ci sono ancora macchie verdi, aggiungere altro cloro liquido fino a sbiancare il colore.
  5. Aggiungere acido cloridrico - in ragione di 1 litro per 50.000 litri di acqua della piscina per neutralizzare l'alcalinità appena aggiunta con il cloro liquido.
  6. Test del livello di fosfati - preferibilmente il giorno successivo, ma se siete sicuri che tutte le alghe sono morte, questo test può essere completato non prima di 2 ore dopo l'aggiunta del cloro liquido.
  7. Aggiungere un Lo-Chlor Phosphate Remover - La scelta dipenderà dal livello di fosfati, ma nella maggior parte dei casi Starver® X è il prodotto migliore da usare in questa fase.
  8. Filtro e controlavaggio - Si consiglia di continuare la filtrazione per un periodo di 12 ore, poiché durante questo periodo la maggior parte delle alghe morte si sarà raccolta nel filtro. Dopo 12 ore, lavare e risciacquare accuratamente il filtro e spegnere la pompa di circolazione. Se sono presenti dei residui sul fondo della piscina, aspirare fino ai rifiuti.
  9. Aggiungere l'alghicida - Riaccendere la pompa di circolazione e aggiungere l'alghicida Lo-Chlor desiderato.
  10. Riequilibrare la piscina - Dopo il trattamento è importante riequilibrare la piscina assicurandosi che tutti i parametri rientrino nei livelli raccomandati. Si consiglia l'uso regolare di Starver® Phosphate Remover per garantire che i fosfati non facciano riapparire le alghe.

Nota bene: durante questo processo di trattamento l'uso della piscina è vietato fino a quando l'acqua della piscina non è stata riequilibrata correttamente in linea con i parametri raccomandati.

Trattamento delle alghe Black Spot

Le alghe a macchia nera possono essere una delle infestazioni algali più difficili da curare. Prima di procedere al trattamento è necessario considerare quanto segue:
a. Quanti punti neri ci sono: Per il proprietario medio della piscina si tratta di un'ipotesi azzardata, ma è importante aggiungere una quantità di alghicida Lo-Chlor Black Spot sufficiente a uccidere tutte le macchie nere. Se ne uccidete solo la metà, le macchie rimanenti si moltiplicheranno e in due settimane la piscina avrà lo stesso aspetto di prima del trattamento.
b. Da quanto tempo sono presenti le macchie nere: Quanto più a lungo è presente il punto nero, tanto più lungo può essere il tempo di trattamento. Nel caso del punto nero, la chiave per affrontare il problema è agire rapidamente, non appena si manifesta. Le macchie nere hanno una radice che ricresce sia nella superficie della piscina che nel rivestimento, per cui se la macchia nera è presente da molto tempo possono essere necessarie settimane per eliminarla. Anche dopo l'idrosabbiatura o il lavaggio con acidi, le radici non vengono uccise, per cui è essenziale l'uso di un alghicida.

  1. Eseguire un accurato controlavaggio del filtro per garantire una filtrazione efficiente durante il periodo di trattamento.
  2. Abbassare il pH tra 6,8 e 7,0 - Questo garantisce l'indebolimento del rivestimento ceroso esterno delle alghe.
  3. Spazzolare accuratamente tutte le superfici delle pareti e dei pavimenti - Utilizzare sempre una spazzola antialga adatta. Questa azione consentirà all'alghicida di distruggere le cellule di alga nera.
  4. Aggiungere la dose necessaria di Alghicida per macchie nere: si tratta di un alghicida a doppia azione a base di rame. Se non è possibile utilizzare alghicidi a base di rame, dosare Knock-Out Algaecide.
  5. Test del livello di fosfati e aggiunta di un Lo-Chlor Phosphate Remover - La scelta dipenderà dal livello di fosfati, ma nella maggior parte dei casi Starver® X è il prodotto migliore da usare in questa fase.
  6. Riequilibrare la piscina - È importante che dopo il trattamento si riequilibri la piscina assicurandosi che tutti i parametri siano entro i livelli raccomandati. Con le alghe della senape, è necessario mantenere i livelli di cloro libero a 3,0 ppm e il pH a 7,2-7,6 per il mese successivo. Si consiglia l'uso regolare di Starver® Phosphate Remover per garantire che i fosfati non facciano riapparire le alghe.

Nota bene: durante questo processo di trattamento l'uso della piscina è vietato fino a quando l'acqua della piscina non è stata riequilibrata correttamente in linea con i parametri raccomandati.

Trattamento contro la senape e le alghe rosa

Le alghe senapate sono una polvere fine di colore giallo-marrone che può essere facilmente spazzolata dal pavimento e dalle pareti della piscina. In genere, quando viene spazzolata, la polvere scompare per 24 ore ma ritorna nella piscina per lo più nello stesso punto. Sebbene l'alga senape sia abbastanza facile da eliminare, le sue spore rimangono vitali, asciutte, per mesi, quindi la piscina è continuamente esposta.

Le alghe rosa sono filamenti di colore rosa o rosso vivo, viscidi e appiccicosi al tatto. Tendono a formarsi in grumi e possono assumere la forma di "melma rosa". Si formano spesso all'interno delle luci della piscina, della scaletta o del filtro e sono più diffuse nelle piscine in vinile e in vetroresina. Può essere facilmente rimossa dalle pareti, ma come l'alga senape il problema è la reinfestazione.

  1. Eseguire un accurato controlavaggio del filtro - Questo assicura un filtraggio efficiente durante il periodo di trattamento.
  2. Aggiungere l'alghicida Lo-Chlor Knock-Out alla dose raccomandata per il volume dell'acqua della piscina.
  3. Abbassare il pH - Per questo trattamento tra 7,0-7,2.
  4. Spazzolare accuratamente tutte le superfici delle pareti e dei pavimenti - Utilizzare sempre una spazzola per alghe adatta.
  5. Aggiungere il chiarificatore per piscine Miraclear - Questo aiuterà a riunire tutte le particelle fini e continuerà a filtrare per un periodo di 12 ore. Spegnere la pompa e aspirare ogni residuo visibile verso i rifiuti.
  6. Sterilizzare il filtro e le altre attrezzature della piscina - Per un filtro a sabbia, aggiungere 2 litri di cloro liquido nel filtro attraverso il connettore rapido di ingresso. (Se non è possibile, aggiungere il cloro nello skimmer con la pompa in funzione, contare fino a tre e spegnere la pompa). Per i filtri a cartuccia e D.E., immergere per una notte in una soluzione di cloro liquido 1:10.
  7. Sterilizzare il tubo, la testa dell'aspiratore, i giochi della piscina e tutto ciò che è stato in piscina immergendoli in una soluzione di cloro liquido 1:20 per almeno 2 ore. Lavare tutti i costumi dei bagnanti.
  8. Testare il livello di fosfati e aggiungere un Lo-Chlor Phosphate Remover - La scelta dipende dal livello di fosfati, ma nella maggior parte dei casi Starver® X è il prodotto migliore da usare in questa fase.
  9. Aggiungere l'alghicida - Riaccendere la pompa di circolazione e aggiungere l'alghicida Lo-Chlor desiderato.
  10. Riequilibrare la piscina - È importante che dopo il trattamento si riequilibri la piscina assicurandosi che tutti i parametri siano entro i livelli raccomandati. Con le alghe della senape, è necessario mantenere i livelli di cloro libero a 3,0 ppm e il pH a 7,2-7,6 per il mese successivo. Si consiglia l'uso regolare di Starver® Phosphate Remover per garantire che i fosfati non facciano riapparire le alghe.

Nota bene: durante questo processo di trattamento l'uso della piscina è vietato fino a quando l'acqua della piscina non è stata riequilibrata correttamente in linea con i parametri raccomandati.